BIZHAN BASSIRI

MOTLAQ (L'ASSOLUTO)

Inaugurazione Domenica 7 Giugno  2015

7 Giugno - 27 Agosto, 2015

Museo di Arte Contemporanea di Teheran, Iran

North Kargar Ave. Tehran (Iran)

bizhan bassiri riserva aurea 2014 

Con il titolo emblematico MOTLAQ (L'Assoluto), si aprirà nel Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Teheran, domenica 7 giugno 2015, una grande mostra di opere di Bizhan Bassiri, artista di origine persiana attivo in Italia dove risiede dal 1975. Tra gli artisti della generazione maturata negli anni Ottanta e Novanta, Bassiri ha messo a punto un linguaggio che – come pochi – integra le forme della pittura, della scultura, della musica e della poesia in una Gesamtkunstwerk tanto epica quanto utopica, all'incontro delle due grandi culture orientale e occidentale.
Durante il suo percorso iniziato in Italia, senza mai dimenticare le sue radici culturali e di sensibilità, Bassiri ha lentamente, ma con lungimiranza, costruito un pensiero generativo all'insegna delle intuizioni poetiche e delle illuminazioni a lui derivanti dal rapporto riflessivo con la natura e l'arte da lui definito “pensiero magmatico”, culminato con la stesura in progress di un Manifesto del pensiero magmatico (1984), tuttora in via di sviluppo (1986 – 2015).
Alla luce di una disciplina estetica e poetica che non ha flettuto dinanzi alle mode o alle lusinghe di una concezione transitoria dell'arte, Bassiri ha concepito e posto in essere una propria Weltanschauung nella quale si inscrivono i cicli più significativi della sua opera. Le Evaporazioni, le Erme, gli Specchi solari, i Leggii, le Meteoriti, le Bestie, i Dadi della sorte, le Serpi e altri non meno incisivi lavori.
In questa mostra MOTLAQ (L'Assoluto) presso il Museo di Teheran, avvalendosi della curatela di Bruno Corà - riconosciuto protagonista della critica d'arte internazionale impegnato nello studio dell'opera di Bassiri con un sodalizio ininterrotto che dura dal 1979 ad oggi - e di Fabio De Chirico, storico dell'arte, l'artista espone il nuovo ciclo della Tempesta, composto da trentadue Evaporazioni policrome (tutte di cm 200 x 170) contrapposte con distinti allestimenti a trenta Erme, trenta Leggii, sei Serpi auree, due Polittici (da otto elementi ognuno) e inoltre dodici Specchi solari, un video e, al centro dell'esteso dispiegamento di forme pittorico-plastiche, la scultura fulcro dei Dadi della sorte.
L'imponente concezione dell'impianto espositivo, all'insegna di impaginazioni in bianco (polvere di marmo) e nero (pareti dipinte a circondare le Evaporazioni) occasione favorevole per conoscere i momenti determinanti della poetica di Bassiri, è affiancata dalla visualizzazione del Manifesto del Pensiero Magmatico, le cui proposizioni enunciano i capisaldi dell'estetica di Bassiri. Dal novero di quei pensieri si può ritenere che quella di Bassiri è essenzialmente un'opera che intende fare i conti con le dimensioni del Tempo-Spazio e della sua enigmatica entità, con l'Infinito e l'Assoluto delle energie che sovrastano l'uomo e il caso, con la Poesia e l'Arte di ogni epoca, strumenti da lui condivisi e con cui l'artista si confronta eroicamente nell'impari lotta con la Storia e il Destino.
L'azione di Bizhan Bassiri, il cui solitario percorso si è distinto per l'originalità e il valore linguistico della sua opera, trova esatta coincidenza delle casualità dopo circa quarant'anni nel rientro in Iran a Teheran, dove totalizzando l'esito del 6 su 6 facce nel gioco dei dadi, suggella il riscontro della propria sorte risultante vittoriosa.
In occasione di questa mostra, nel giardino della Residenza dell'Ambasciata italiana a Teheran, il 2 giugno sarà esposta l'opera Meteorite (h 320 cm). E nel vano lucernaio del Museo d'Arte Moderna e Contemporanea, realizzato dall'arch. Diba, verrà inserito lo Specchio Solare Sorgente di luce, 2015.
L'evento che avrà luogo a Teheran è stato possibile grazie alla collaborazione con la Galleria Claudio Poleschi Arte Contemporanea di Lucca (Italia) che da tempo segue l'opera di Bizhan Bassiri.

Titolo della mostra: Bizhan Bassiri - MOTLAQ (L'Assoluto)
a cura di: Bruno Corà e Fabio De Chirico
Luogo della mostra: Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Teheran,
North Kargar Ave. Tehran (Iran)
Inaugurazione: domenica 7 giugno 2015 ore 17.00
Durata: dal 7 giugno al 27 agosto 2015
 

https://www.facebook.com/TehranMOCA

http://www.tehranmoca.com

 

© 2018 Claudio Poleschi Arte Contemporanea