PINO PINELLI

Incognita e quanta

a cura di Bruno Corà

27 ottobre - 15 dicembre 2012 

Claudio Poleschi Arte Contemporanea, Chiesa di San Matteo, Piazza San Matteo 3, Lucca

Inaugurazione: sabato 27 ottobre, ore 18.

 pinelli incognitaequanta home

Claudio Poleschi Arte Contemporanea è lieta di annunciare la mostra personale di Pino Pinelli * in via Santa Giustina 21 e nella chiesa adiacente di San Matteo, a Lucca. La mostra, a cura da Bruno Corà, verrà inaugurata sabato 27 ottobre, alle ore 18.00.

L'artista realizzerà una disseminazione monumentale appositamente concepita per le grandi pareti centrali della chiesa sconsacrata di San Matteo, presentando contemporaneamente altre opere nell'abside e in galleria.

Dagli inizi degli Anni Settanta, il lavoro di Pino Pinelli, è paragonabile a un lungo processo di riflessione sulle ragioni profonde del fare pittura. Dal 1976, procedendo per sottrazione, elimina la cornice e riduce la pittura alla sua nuda semplicità geometrica e monocroma, allontanandosi da una concezione della pittura come immagine e come sorta di finestra su un altro mondo.

Frantumando da allora il quadro tradizionale, Pinelli lascia che la pittura, ridotta a frammento e grumo di colore, ritorni tutt'una con le pareti e lo spazio ambientale da cui arbitrariamente veniva separata. Il muro entra così a far parte dell'opera e il frammento, a sua volta, si ricompone sul muro in un tutto integrale.

Le opere di Pinelli, dunque, disseminate nello spazio, vivono attraverso il coinvolgimento diretto dello spettatore in una sorta di esperienza totale della mente e dei sensi nel qui ed ora di una realtà riunita e riconquistata.

In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo con un saggio critico introduttivo di Bruno Corà e apparati bio-bibliografici sull'artista.

* Pinelli, nato a Catania nel 1938, vive e lavora a Milano.

 

Claudio Poleschi Arte Contemporanea
Via Santa Giustina 21, 55100 Lucca
T +39 0583 469490
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

© 2018 Claudio Poleschi Arte Contemporanea